Skip to the content

Versione Italiana English Version

VISITA ALL’IRCCS OASI MARIA SS. DI TROINA DEL PRESIDENTE DEL GRUPPO PARLAMENTARE CINQUE STELLE ON. GIANCARLO CANCELLERI CHE SI E’ FATTO CARICO DELLE CRITICITA’ E DELLE CONSEGUENZE DERIVANTI DAI CONTINUI RITARDI DELLA REGIONE SICILIANA PER IL RINNOVO DELLA CONVENZIONE SCADUTA DA TRE ANNI

 

Troina 20 Novembre 2015 – Il massimo esponente regionale all’assemblea regionale siciliana del Movimento Cinque Stelle e componente della III commissione parlamentare “Attività Produttive”, ha visitato venerdì scorso (20 novembre n.d.r.), il centro di eccellenza sanitario nel campo delle disabilità intellettive e dell’involuzione cerebrale senile IRCCS Oasi Maria SS. di Troina. L’Istituto fondato da padre Luigi Ferlauto, riconosciuto come Ospedale classificato specializzato, e che ha una lunga esperienza nel campo della disabilità intellettiva, rischia il forte depotenziamento dei servizi e il licenziamento di oltre 100 operatori, a causa dei ritardi della Regione che da tre anni tarda a rinnovare la convenzione. “Oggi ho voluto visitare questa struttura – dice l’On. Giancarlo Cancelleri - per toccare con mano un’eccellenza che in tantissimi mi hanno raccontato e che non conoscevo. Debbo dire che si tratta sicuramente di una struttura da salvaguardare, un servizio da dare ai siciliani e non solo, e ai quei cittadini che purtroppo, la vita li ha resi più sfortunati. Però è chiaro – continua il deputato – che un’amministrazione regionale che si ritiene civile e responsabile non può oltre al danno mettere anche la beffa. Non bisogna creare cittadini di serie B. Questa è una responsabilità che abbiamo nei confronti di tutti i presidi ospedalieri di tutte le comunità siciliane. C’e una convenzione che ha dato risultati nel tempo e che ha dato tante possibilità a molte famiglie con gravi disabilità, e che oggi rischia di non essere rinnovata dal punto di vista economico. Mi faccio carico di chiedere agli assessori regionali al ramo (Salute e Famiglia) che cosa vogliono fare per questa struttura.

On. Cancellieri e Padre Ferlauto

Inoltre col decreto Balduzzi (che abbatte notevolmente il rimborso finanziario agli istituti che prendono in carico pazienti affetti da patologie croniche e degenerative gravi), assistiamo ad un altro taglio molto importante, e siccome molte regioni d’Italia si sono dotate autonomamente per prorogare i tempi per l’abbattimento delle tariffe, quando si parla di disabilità non ci sono ragioni che tengono.

Dobbiamo dunque capire – conclude il portavoce del movimento Cinque Stelle – le disposizioni del bilancio regionale e dell’assessore al ramo e poi le intenzioni dell’assessore alla Famiglia, perché è fondamentale e determinante riconoscere il valore economico di una struttura che fornisce servizi importanti a tantissimi cittadini siciliani e non solo”. Ad oggi l’IRCCS Oasi Maria SS. registra, a causa dell’abbattimento del decreto Balduzzi, una perdita annua di circa 3,5 milioni di euro, che da giugno 2013 ad oggi ha portato ad un indebitamento complessivo per oltre 7 milioni di euro, a cui sommare i 4 milioni annui delle funzioni assistenziali non riconosciute dall’assessorato della Famiglia d’intesa con quello della Salute.

 

 

Salvo Calaciura

Ufficio Stampa - Addetto Stampa

Associazione Oasi Maria SS. Onlus D.P.R. 471 DEL 24-06-1974
Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico per lo studio del Ritardo Mentale e dell’Involuzione Cerebrale
(Decreti Interministeriali del 9-2-1988, dell’8-2-1993 e del Ministero della Salute del 5-9-2006)

Via Conte Ruggero 73 - 94018 TROINA (EN)
Tel. +39 0935-936111 - Fax: +39 0935-653327
E-mail: info@oasi.en.it

 

Contatti