Skip to the content

Versione Italiana English Version

COMUNICATO STAMPA SEGRETERIE AZIENDALI ORGANIZZAZIONI SINDACALI I. R. C.C.S. OASI

CGIL FP - CISL FP - UIL FPL - ANAAO ASSOMED – CISL MEDICI - AUPI-

 

Apprendiamo dalla stampa, che qualcuno abbia presentato un esposto alla procura per denunciare presunti abusi, omissioni,  o addirittura maltrattamenti, nei confronti di una paziente presente in Istituto.

Orbene, pur non conoscendo l’identità del querelante, ci prendiamo la presunzione di credere, ed anche convintamente, che questi risponderà nelle sedi opportune di questo tentativo tanto biasimevole quanto temerario, di screditare la struttura ed i suoi operatori.

Il particolare momento storico che stiamo vivendo, e le continue emergenze che ci si trova a gestire, per quanto possano aver creato una qualche inevitabile defaillance, non possono in alcun modo mettere in discussione l’operato e la storia dell’Istituto e dei suoi operatori. Né scalfire l’immagine di eccellenza sanitaria che la struttura ha acquisito negli anni, proprio grazie alle particolari cure ed attenzioni che sempre vengono garantite a tutti gli ospiti.

Vale la pena di ricordare, come i dipendenti dell’Oasi, abbiano messo e continuano a mettere a repentaglio la propria vita e quella dei familiari conviventi, pur di assicurare ai degenti , più deboli, tutte le dedizioni di cui necessitano, con serietà, competenza e spirito di abnegazione.

Non vi è chi non veda,  che dietro queste scriteriate affermazioni, si nasconde molto verosimilmente, l’azione dei soliti sciacalli che, magari per  questioni personali o familiari, credono di poter colpire la struttura ed i suoi dipendenti, rimanendo impuniti rispetto ad affermazioni di tale inaudita gravità.

I sindacati presenti in Istituto, si faranno garanti della tutela dei lavoratori contro questo improbabile avventuriero, e se sarà il caso si costituiranno in giudizio per riaffermare la correttezza dell’operato e la dignità dei lavoratori tutti.

Naturalmente, nessuno vuol sottrarsi alle giuste indagini che saranno avviate dagli inquirenti, ci sembra doveroso però, rassicurare i familiari dei nostri degenti, poiché ora più di prima, i nostri pazienti ricevono affetto e tutela giacché questo principio da sempre è stato ineludibile per chiunque, a qualsiasi titolo ed in qualsiasi posizione, operi in Istituto.

Certi che il tempo sia galantuomo e che possa ristabilire la verità, non possiamo non rimarcare con fermezza che all’Oasi i degenti ricevono il meglio!

 E che nessuno può osare  mettere in discussione l’operato, senza circostanziare certe accuse che appaiono a chi scrive offensive irriverenti e strumentali .

 

LE  R.S.A. AZIENDALI

Comparto e dirigenza

I.R.C.C.S. OASI

 

Lettera aperta  dei dipendenti

“A scrivere è una rappresentanza di donne e uomini che la vita ha portato ad intraprendere una professione d’aiuto diventando dei Professionisti. Professionisti che, nonostante tutto, ci sono, ci sono sempre stati e sempre ci saranno per chi ha bisogno. Questo lo sanno bene i nostri pazienti speciali e le loro famiglie che, ora più che mai, ci riconoscono come insostituibile riferimento nei loro momenti di bisogno sia dal punto di vista clinico che umano. Per tutti i dipendenti dell’ Oasi Maria SS di Troina  il tempo di relazione è tempo di cura, malgrado gli attuali modelli organizzativi nelle strutture sanitarie,  e spesso si dimentica che il centro di tutto deve sempre essere la persona e non soltanto la variabile tempo.

Nonostante i riconoscimenti a livello mondiale del nostro lavoro noi abbiamo sempre lavorato senza aspettarci lodi, ma essendo ampiamente ripagati dai sorrisi dei nostri utenti. Purtroppo in questo 2020 il mondo è divenuto un cattivo pagatore  e  ci ripaga screditando il nostro operato. Operato che ha trovato fulcro nella PERSONA che ha bisogno d’aiuto,  di cure,  di assistenza,  di riabilitazione e di integrazione. Lo abbiamo sempre dimostrato e cerchiamo di dimostrarlo  anche adesso, nonostante gli indispensabili strumenti di protezione individuali necessari per il contenimento del contagio da Covid 19 quali: tute protettive, mascherine, occhiali, visiere che possono, anzi, devono impedire al virus di contagiare i nostri pazienti non impedendo, comunque, di comunicare vicinanza, umanità ed empatia nei confronti di tutti i pazienti bisognosi di assistenza.

In questi giorni apprendiamo l’ennesima accusa nei confronti dell’Opera, l’ennesima accusa che colpisce ognuno di noi. Forse qualcuno cerca un piccolo trionfo che è colmato solo con la vendetta immotivata che risulta misera, inopportuna. Tale vendetta è una combinazione di egoismo e assurdità. Purtroppo chi si è dissetato e saziato volge le spalle alla sorgente che gli ha dato acqua e pane, e pure qualche spremuta d arancia; servita in un bicchiere di cristallo, che presto sarà buttato in mezzo al fango! E la moneta ordinaria con la quale pagano gli uomini miseri è quella del fango,  della denigrazione, della falsità e dell’offesa. E dopo aver ottenuto il possibile, i miseri d’animo chiedono anche l’impossibile in modo da avere un pretesto per giustificare l’ingratitudine.

Noi però siamo diversi.  Noi siamo L’Oasi. E se incontriamo il male, l’offesa e la denigrazione  andiamo avanti e continuiamo a seminare il bene,  nonostante il tempo e l’essere misero  ci voglia dare un cattivo raccolto. PERDIT NON DONAT,  CUI DONAT NISI EST MEMOR. (perde e non regala se colui a cui viene dato non è riconoscente). Chi ci ha offeso,  denigrato e regalato una moneta mal coniata ,l’ha spesa senza timore poiché il suo animo è avaro  di bene!!!!

Nel frattempo noi operatori continuiamo a lavorare con il nostro costante impegno, professionalità e senso del dovere; e che il buon Dio ripaghi ognuno con ciò che merita”.

 

I dipendenti Oasi di Troina

 

Associazione Oasi Maria SS. Onlus D.P.R. 471 DEL 24-06-1974
Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico per lo studio del Ritardo Mentale e dell’Involuzione Cerebrale
(Decreti Interministeriali del 9-2-1988, dell’8-2-1993 e del Ministero della Salute del 5-9-2006)

Via Conte Ruggero 73 - 94018 TROINA (EN)
Tel. +39 0935-936111 - Fax: +39 0935-653327
E-mail: info@oasi.en.it

 

Contatti